Conferenza al Palazzo Granducale di Livorno

di Michela Giorgi

Mercoledì 16 maggio alle ore 18.00 nella sala consiliare del Palazzo Granducale sede della Provincia di Livorno si è tenuta la conferenza della dottoressa Cristina Siccardi dal titolo “Santa Giulia: martirio e verginità nella Chiesa” organizzata dall’Arciconfraternita S.Giulia nell’ambito delle celebrazioni per la festa di Santa Giulia patrona di Livorno.
Sono stati presenti il Vescovo di Livorno Simone Giusti e Monsignor Mauro Peccioli.

La dottoressa Cristina Siccardi nata a Torino e laureata in lettere con indirizzo storico e specializzata in biografie ha ricordato la passio di Santa Giulia giovane ricca e nobildonna della città di Cartagine ridotta in schiavitù da un mercante siriano di nome Eusebio.

Eusebio spesso viaggiava insieme a Giulia e durante un viaggio la sua nave naufragò sulle coste della Corsica e i naufraghi salvi decisero di fare sacrifici agli dei, mentre Giulia essendo di religione cristiana si rifiutò.
Felice il governatore della Corsica promise la libertà a Giulia se avesse fatto un sacrificio agli dei, ma ella rispose “io sono già libera servendo Gesù Cristo.”

Allora il tiranno ordinò che la schiava venisse flagellata e che morisse in croce.

Misteriosamente dei monaci abitanti dell’isola di Gorgona vennero a sapere quello che era successo alla ragazza che crocifissa era stata gettata al largo delle coste e riuscirono quindi con le loro barche a recuperare il corpo.
La dottoressa ha ricordato Santa Giulia come martire e vergine che non ha avuto paura di morire e che non si è piegata grazie alla sua vocazione e fede in Cristo.

Da ricordare che Santa Giulia viene spesso invocata per la richiesta di guarigione delle patologie alle mani e ai piedi.
Durante la conferenza sono stati menzionati diversi martiri come Santo Stefano primo martire, San Giovanni Battista martire prima di Gesù Cristo e San Lorenzo che bruciato sulla graticola disse sono cotto da questa parte girami dall’altra e poi mangiami e sono stati menzionati anche diversi santi come Sant’Agostino, San Paolo e Sant’Ambrogio per parlare della verginità e la consacrazione a Dio.

Il Vescovo di Livorno è intervenuto ricordando il fumetto sulla storia di Santa Giulia del quale sono state pubblicate tremila copie per far conoscere meglio ai ragazzini la nostra Patrona.

Ricordiamo che questa conferenza è stata uno tra gli appuntamenti previsti per festeggiare Santa Giulia che verrà commemorata il 22 maggio.

Fonte: www.notiziedalivorno.info

Hanno inoltre segnalato la conferenza:

Comune di Livorno

Coordinamento Toscano Benedetto XVI

Diocesi di Livorno

Inter multiplices Una Vox

Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote

Messainlatino.it

Torna su